Alla società Ticinia si punta molto sul vivaio, tra educazione e attività sportiva

Robecchetto applaude i suoi calciatori

In primo piano i Pulcini delle annate '97 e '98

Società maggiorenne e certificata: il Ticinia Robecchetto a 22 anni dalla sua fondazione ufficiale si conferma come una delle realtà assolutamente più interessanti del Castanese, in virtù di un solidissimo Settore Giovanile.

Il Ticinia mette in campo una squadra per categoria, a partire dai Piccoli Amici per arrivare alla Juniores, anticamera per il passaggio alla prima squadra che attualmente milita in Seconda categoria. E' proprio la Juniores il fiore all'occhiello dell'anno con il primo posto solidamente tenuto nel proprio girone e la probabile promozione ai campionati Regionali nel prossimo anno.

Ben conscia dell'importanza ricoperta dalle squadre "junior", la dirigenza del sodalizio di Robecchetto, guidato dalla storica figura di Ivano Cesco che quest'anno festeggia il sedicesimo anno di presidenza, prosegue nel suo lavoro di valorizzazione del calcio giovanile. Un impegno che rivela il suo duplice ruolo, educativo e sportivo, che permette ai ragazzi di raggiungere la giusta maturità in un ambiente protetto e lontano dallo stress che, invece, talvolta finisce con il colpire i ragazzi nelle società professionistiche o in quelle che hanno la velleità di esserlo. Se la stagione delle squadre dell'attività di base è ormai giunta alla sua naturale conclusione (manca ancora una giornata di recupero) dopo un'annata tormentata da nevicate e continui rinvii e sospensioni, è già tempo per i primi bilanci e per rivolgere l'attenzione ai tradizionali tornei primaverili ed estivi.

Un quarto posto, due terzi e un secondo sono un eccellente ruolino di marcia per i biancoblu che spesso si sono ritrovati davanti colossi de calcio giovanile come Soccer Boys e Roncalli. Nota di merito per i due minibomber Deciuceis ed Irrera, Pulcini '97 il primo, classe 1996 il secondo, autori entrambi di 17 reti e sul podio dei marcatori dell'intera società (in questa speciale classifica a farla da padrone è Colombo della squadra Allievi con 27 gol).

Il Direttore Generale Zanellato espone il suo pensiero sulla condizione di salute della Società: "Siamo molto soddisfatti per i risultati ottenuti dalle nostre squadre ed in particolare dai '97 e dai '96. Proprio i classe 1997 hanno superato ogni aspettativa perchè non hanno giocato nel campionato a cinque, ma li abbiamo iscritti direttamente a quello a sette dove hanno incontrato squadre miste. Molto bene anche Esordienti e la Juniores, anche se la matematica non ci da ancora ragione.

Per l'anno prossimo manterremo invariato il numero di squadre, facendo scalare le annate. Non faremo, come già abbiamo scelto di fare in questa stagione, nessun campionato "Sperimentale", ma punteremo su squadre miste: presto decideremo anche se fare giocare la futura formazione dei '98 a cinque o a sette".

SUL GIORNALE SONO RIPORTALE LE FOTO DELLE NOSTRE COMPAGINI DAI PICCOLI AMICI AGLI ESORDIENTI '93.